top of page

Me stufati e pietanze affini...

Stufato di incazzature quando non riesco a uscire da un loop personale o quando ripeto cose che mi fanno stare male o mi fanno sentire sotto scacco? Si lo conosco bene e spesso é tra le mie portate preferite.

La sensazione é proprio quella di essere bloccato sotto la sabbia con solo la testa fuori.

Ora che ci penso quello era un gioco interessante che facevamo con i miei amici al mare, pratica simile a quella di certi Yogi, ma ovviamente la loro era un pelino differente dalla nostra.

Spesso o quasi sempre ho visto che la ripetizione é mossa da un qualcosa dentro di me cui distolgo lo sguardo.

Poi si, la casuale intelligenza degli eventi fa che si creino interessanti opportunità di osservazione, ma spesso ho visto che la tendenza è quella di mettere sul trono il piccolo e incazzato me piuttosto che la preziosa opportunità di ascolto.

E’ che l’incazzatura alias rabbia (come tutte le altre emozioni) é una sensazione fisica, e per abitudine anziché ascoltarla ne schizziamo subito fuori un po' come quando si tocca per sbaglio il manico di una pentola sul fuoco.

Almeno ho visto la mia tendenza ad andare nella mente giudicando e giudicandomi, dando la colpa al creato per ciò che stavo vivendo e quando avevo finito con il creato passavo a me stesso, confermando la situazione appunto di limite o blocco.

Morale della favola, stare e sentire. Coltivare una nuova abitudine di ascolto e vedere semplicemente che davanti a noi vi sono delle comode presine per togliere il bollente stufato dal fuoco.

..e a proposito di "me stufati" e di pietanze affini, vi auguro buona pratica e a breve buon pranzo"


-Ale




0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page