top of page

IL RESOCONTO MENSILE DEI PROPRI PENSIERI

E se si potesse chiedere il resoconto mensile dei propri pensieri?

Un'utopia particolare no?

Dipende da come la si vede, potrebbe essere anche inquietante, poiché vorrebbe dire che i nostri pensieri verrebbero monitorati costantemente, ma lasciamo da parte queste “fantasie Orwelliane”.

Vorrei prendere da questa “mia” fantasia il lato leggero e diciamo buffo.

Tipo: Lei signor Achilli questo mese ha pensato così così e così. Ha pensato così su di lei.. Ha pensato così su questa persona. Ha avuto questi pensieri sulla vita.

Ha totalizzato questo numero di pensieri. La sua mente su 24h é restata attiva 18h..(cazzarola direi!).

Ciò mi farebbe riflettere su quanto lascio riposare “radio mente”. Quanto silenzio porto nel quotidiano? Quanto spazio porto nella mia vita fra un pensiero e l’altro? Quanto mi lascio traportare da pensieri e di conseguenza dalle emozioni.

Qualcuno diceva che l'inquinamento mentale-emozionale sul pianeta è maggiore della spazzatura che fisicamente generiamo, ora non so come abbiano calcolato questi parametri, ma passando in luoghi affollati o anche solo camminando per le vie della città direi che istintivamente ciò é abbastanza evidente..

Ma senza che mi metta sul piedistallo, molte volte come pratica personale scrivevo su un taccuino i pensieri che passavano per la mia mente durante la giornata e la sera rileggendo il tutto, notavo la mia bella pattumiera quotidiana.

Alla luce di ciò quindi, un “risparmio pensieroso” spegnendo di tanto in tanto “radio mente” come la chiamava Thích Nhất Hạnh, sarebbe forse cosa buona e giusta per me, per noi e perché no anche per il pianeta.



5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page